Altre Verità

I matti sono liberi

Oggi s’è presa una panchina e ha fatto il feto in braccio a quella. E in fondo quante volte non l’abbiamo voluto anche noi? Morire su quattro lische di legno alla portata di tutti. E poi rinascere quando qualcosa ci fa click dentro. Quando la pioggia smette i suoi insulti e una voce bianca e buona, gorgoglia: «Rialzati».