4
Intermezzi

La musica ti fa una malattia buona

La musica mi ha salvato le chiappe un mucchio di volte.

Così mi piace credere. E, forse, è pure vero.

Ma altre mi ha affossato le dita dentro la pelle. Canzoni e note che ti prendono come gentili amiche, e poi si mettono a farti le pernacchie al cuore. Vi è mai successo? La forza imponderabile della loro caduta. Come le foglie, mica decidi. Nemmeno se le prendi con cura, dall’albero. Quelle s’impuntano nel loro volo. E qualcuna cade sull’erba, altre nello stagno.

Certe canzoni s’infilano in gallerie sotterranee e fischiano come il vento. Le lascio fare: il gusto dolce amaro di sapere che è ancora tutto lì, la nostalgia e la musica sanno sposarsi mille volte. E, in qualche modo, ti fregano sempre.

Hanno il telecomando delle diapositive interiori. Ti parte la sceneggiatura: una ragazza esce dal metrò e cammina pianissimo, un punto e virgola nel discorrere degli studenti che allagano la strada. Siede in quella biblioteca brulicante, poi appoggia i fianchi alla ringhiera nelle pause, in atrio. Ascolta questa, passano auricolari tra ragazzi. Adesso vanno al bar, l’ora del tè. Un’altra me corre lungo i navigli il sabato mattina. Su tapis roulant di palestre anonime nelle pause pranzo. Si è fatta una libreria di musicassette per ogni occasione, ci ha messo il titolo, su ognuna: una cassetta per ogni pensiero.

Un’altra s’aggrappa ai giochi di Dolonne, Sarah sul tappeto elastico, quel giorno era l’ultimo dell’estate e c’era un vento impossibile.

La musica è come l’inconscio: tu non lo sai, lei passa e si fa un viaggio in parallelo, i cunicoli come le formiche. Ti fa una malattia buona. E, quando ritorna, scopri tutte le tegole dei tetti, tutte le pietre sul selciato e gli angoli che aveva disposto. È un architetto creativo e laborioso.

Oggi mi butto dentro a canzoni ignote, le lascio fare, scavare o portare. Ci vesto la mattina.

Già sorrido al pensiero, quel giorno che torneranno e intanto tutto sarà uguale e ogni cosa sarà diversa. La bussola folle dei sensi e del tempo.

La musica è la dimostrazione che il tempo interiore, è il solo che esista.

Qualcosa di nuovo?
Ti avviso io: ogni domenica una vetrina dei posts della settimana!

Commenti Facebook

Commenti 4

    1. Post
      Author
  1. Lorenzo

    La musica sono vibrazioni che fanno vibrare le nostre corde interne per farci ricordare, per farci emozionare, per farci sognare, per farci dimenticare, per farci ……

    1. Post
      Author

Lascia un commento