4
EventiMaternità

Non sono le canzoni a commuovermi

TUTTI VERSATI DENTRO A QUESTO SPETTACOLO, ALLA SUA RIUSCITA: QUESTO È IL MIRACOLO

 

spettacolo 1_pe_wprnNon è per la musica.
Suona forte e piano, s’alza e s’abbassa, comandata da una maestra grossa che la Isa piange appena la vede.
Non è per quella scatola rossa in mezzo al salone.
Non è per i bambini, la fila ordinata.

Sorridi alle prime note, i piccoli entrano, ognuno cerca il proprio. Aspetta. Poi lo vede, s’incrociano sorrisi come ali, senza disturbare il cielo.
Ti basta un fazzoletto, per questo spettacolo. Il resto te lo danno loro.
Però non è per quello.

Non è per le belle parole della recita, per le righe poetiche delle canzoni. Per l’atmosfera, tutta, l’albero di Natale al fondo, il presepe che c’ha i personaggi fatti coi rotoli di carta igienica, eppure è santo, santo lo stesso, santo che se ne frega della battaglia per la laicità. E ha dentro il sorriso e le mani dei bambini che l’hanno allestito.

Non è per questo. E nemmeno per tutte quelle maglie rosse, i jeans, che compongono una squadra omogenea di piccole vite.

Quando cominciano a uscire, uno a uno. Prendere posto dove sapevano. Uno a uno. Guardare davanti, senza distrazioni, solo un ammiccare svelto e fugace al genitore e poi via, concentrati, attenti. Con la dedizione che sfratta ogni altro pensiero, tutti versati dentro a questo spettacolo, alla sua riuscita: questo è il miracolo.

È per l’impegno profuso, l’ingenuo affidarsi a chi li guida. La costanza, la pazienza, il rigore con cui ognuno di loro si è speso. Anche quelli che definiamo piccole pesti, i timidi come i chiacchieroni, gli introversi e i buffoni, i maschi e le femmine, gli italiani e gli stranieri. È per questo che resto senza fiato.

Quegli occhi fieri, sicuri di fare bene. Fiduciosi e forti.
C’è qualcosa che lega la forza all’ingenuità, l’ingenuità alla fiducia.

Se fossimo capaci di applicarci alle cose con la stessa, diligente, obbediente passione, la stessa determinazione. Con quello slancio. Che apre cinquanta bocche all’unisono, cinquanta ne chiude, e agita mani e sgrana pupille…

Qualcosa di nuovo?
Ti avviso io: ogni domenica una vetrina dei posts della settimana!

Commenti Facebook

Commenti 4

  1. Anonimo

    Eh si, se solo riuscissimo a fare le cose con la metà della loro determinazione e fierezza…quante cose ci verrebbero meglio. Quanto si impara da loro, così piccoli da voler proteggere, ma così grandi da stupirsi. 🙂

    1. Post
      Author
      Maddalena

      L’hai detto… i bambini sono grandissimi: smisurati. Passiamo la vita a crescere, ma a volte diventiamo solo più piccoli

  2. Silvia Fanio

    Quell’impegno, quegli occhi scintillanti di chi sa di aver appena fatto qualcosa di cui andare fieri, quei sorrisi felici quando ti abbracciano e tu sussurri loro “sei stato bravo”!
    Che emozione.
    La cosa più bella è che tutto quello che fanno è genuino, lo fanno con piacere, non per piacere ed ingrassare il loro ego. Lo fanno per chi amano

    1. Post
      Author

Lascia un commento